Home

Venerdì 4 giugno si terrà, presso la Sala “Risto Škuljević” di via Genova 12 alle ore 18:00, l’Assemblea Generale Ordinaria dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Trieste. Si tratta della prima assemblea del nuovo Consiglio Direttivo insediatosi ad ottobre 2009, un’occasione importante non solo per approvare il bilancio, ma anche per fare il punto sulle iniziative intercorse e quelle in programma per l’anno in corso.

In questi primi mesi di attività sono emerse numerose questioni che interessano il nostro lavoro e la nostra attività, a partire dall’adozione del nuovo Piano Regolatore di Trieste, per poi continuare con il Piano Particolareggiato del Centro Storico, l’approvazione del Codice dell’Edilizia e del suo relativo regolamento d’attuazione, l’imminente introduzione della VEA, solo per citare i provvedimenti legislativi e normativi più importanti e significativi. Ad esso si aggiungano le questioni maggiormente ‘strutturali’, a partire dalla gestione dell’Ordine provinciale, senza tralasciare le problematiche della professione e quelle della formazione, fino ai rapporti con la Federazione Regionale e con il Consiglio Nazionale, anch’esso in scadenza.

Un periodo particolarmente complesso quindi, che ha visto il Consiglio dell’Ordine in prima fila ad affrontare numerose e talvolta complesse questioni nella maniera più collegiale e trasparente possibile, anche attraverso la riorganizzazione della comunicazione (per esempio con il nuovo blog temporaneo) e l’istituzione di numerosi Forum e commissioni di lavoro cui molti colleghi hanno partecipato attivamente. Tuttavia il lavoro da fare è sempre tanto ed articolato, i risultati a volte non sono stati pari alle aspettative nostre e di tutti, il periodo storico che stiamo attraversando non agevola certo la nostra azione.

E’ per questi motivi che riteniamo particolarmente importante la partecipazione più vasta possibile di tutti gli iscritti all’Assemblea Generale. Sarà occasione questa per fare il bilancio complessivo, non solo quello economico quindi, della stagione che stiamo vivendo, nella convinzione che solo un’azione unita e collegiale possa portare a maggiori e migliori risultati e nell’auspicio ulteriore che le iniziative a venire abbiano non solo l’approvazione degli iscritti, ma anche il loro sempre più importante e necessario supporto fattivo.

Pubblicità