Home

mercato jona

Anche quest’anno l’architettura fa da minimo comune denominatore al percorso della Faimarathon triestina che si terrà domenica 20 ottobre 2013, organizzata dal Gruppo FAI Giovani del FVG con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Trieste.

Faimarathon.pdf

L’architettura permea la vita di tutti i giorni. Riuscire a dare degli strumenti per leggerla e di conseguenza per leggere la storia e le evoluzioni della nostra città è un modo di prendere consapevolezza di ciò che ci circonda per poi amarlo e rispettarlo. La scelta è caduta su un itinerario meno conosciuto che porta, in dieci tappe, alla scoperta della Trieste anni ’30. Un itinerario durante il quale i partecipanti potranno conoscere meglio le vicende urbanistiche della città, che in quegli anni vive profonde trasformazioni. Tra il 1925 e il 1940, si assiste al ridisegno di intere parti della città riconoscibili ancora oggi sia per l’impostazione a scala urbana sia per l’omogeneità delle caratteristiche architettoniche.

Un grande fervore costruttivo caratterizza quegli anni: dagli sventramenti del quartiere di Cavana alla costruzione dei nuovi quartieri residenziali – il quartiere Oberdan, le Piazze Carlo Alberto e dell’Impero (oggi Largo Barriera), i Viali Regina Elena (oggi Viale Miramare) e Sonnino (oggi Viale D’Annunzio) – dalla realizzazione dei rioni periferici alla demolizione di interi quartieri considerati vecchi e malsani. I protagonisti sono alcuni giovani professionisti: Giuseppe Pagano Pogatschnig, Umberto Nordio, Ramiro Meng, Camillo Jona, Lituano Samero, Andrea e Guido Ghira, Giorgio e Carlo Polli, Raffaello Battigelli, Michele Toffaloni, Dante Fornasir, Rodolfo Tauceri.

Pubblicità