Home

Sarà l’architetto Gigetta Tamaro Semerani a ricevere quest’anno, con una cerimonia che si svolgerà mercoledì 9 luglio, alle ore 17, nella Sala del Consiglio Comunale, il “Premio di Vetro – Elca Ruzzier“, istituito dalla Commissione Pari Opportunità del Comune “per la valorizzazione della donna e in particolare delle donne triestine distintesi nel mondo del lavoro, della cultura, delle arti, delle scienze e dello sport e per aver portato il nome della città nel mondo”.

Nel corso della presentazione, svoltasi nei giorni scorsi in Municipio, la presidente della CPO Ornella Urpis ha motivato la scelta di quest’anno sottolineando “l’impegno, il genio, la ricerca, le architetture di Gigetta Tamaro Semerani”, nonché il suo lungo e prestigioso curriculum, dalla laurea a Venezia nel 1958 con Giuseppe Samonà e il successivo impegno, sempre all’ateneo veneziano, quale assistente di Giancarlo De Carlo, uno dei maestri dell’architettura italiana, per proseguire con l’insegnamento in diverse Università europee e a Trieste, poi quale presidente dell’ordine professionale, autrice di numerosi grandi progetti in particolare nel campo dell’edilizia pubblica, presente in mostre di architettura in Italia e all’estero, operatrice culturale costante e appassionata.
“Una storia personale – ha detto la Urpis – che oltre a essere di per sé emblematica, rappresenta anche in modo significativo l’altro fondamentale intento del “Premio di Vetro”, ovvero non solo riconoscere un impegno e una carriera ma pure costituire un chiaro modello di ispirazione e sprone per le nuove generazioni di giovani donne della nostra città.”

Pubblicità