Home

cnappc alto

Il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori. si augura che venga mantenuto l’emendamento approvato dalle commissioni Attività produttive e Ambiente della Camera – grazie all’impegno profuso dalle deputate Chiara Braga del PD e Serena Pellegrino di Sel – che sopprime l’articolo introdotto al Senato che estendeva alle società di ingegneria previste dal Codice degli appalti, e costituite in forma di società di capitali, la disciplina delle Società tra Professionisti.

La norma, infatti, avrebbe causato un gravissimo danno ai professionisti perché avrebbe consentito alle società di ingegneria – che oggi possono operare solo nel settore dei Lavori Pubblici – di estendere la loro operatività anche in quello privato.

Appare strano che il Senato non si sia accorto che la norma licenziata è in evidente contrasto con
quella che ha istituito le società di ingegneria – chiamate a svolgere interventi solo nel settore dei
Lavori Pubblici – che non dispongono dei necessari requisiti deontologici, non essendo per di più
iscritte ad Ordini professionali, propri delle Società tra Professionisti.

Pubblicità