Home

Segnaliamo agli iscritti che sul sito del Consiglio Regionale è consultabile il testo coordinato della LR 19/2009 il cosiddetto “Codice regionale dell’edilizia”.

Il testo coordinato permette la lettura delle norme nel loro assetto definitivo dopo le recenti modifiche introdotte della LR 13/2014. In particolare il Titolo I (Misure di semplificazione in materia urbanistico-edilizia) inerente la materia urbanistico-edilizia riporta tutte le modifiche urgenti alle leggi regionali 19/2009, 16/2009, 12/2008 e 5/2007, e risulta suddiviso in due Capi, il primo afferente la materia Edilizia, il secondo quella Urbanistica, ivi compresa la vigilanza sulla costruzione in zona sismica.

Il Capo I reca tutte le misure di semplificazione in materia edilizia, recependo le recenti misure di semplificazione introdotte a livello statale e che, per ragioni di competenza primaria attribuita dallo Statuto di autonomia all’ordinamento regionale in materia, non possono trovare diretta applicazione senza recepimento o rinvio formale. Si pensi ad esempio al silenzio assenso automatico sulla domanda di rilascio del titolo edilizio, al divieto per la PA di richiedere documenti o certificati acquisibili d’ufficio, ovvero alla possibilità di procedere con SCIA per interventi di ristrutturazione edilizia che incidano sulla sagoma di edifici esterni al centro storico e non vincolati.

Il Capo II contiene le modifiche al vigente ordinamento urbanistico di cui alla LR 5/2007, eliminando le lacune verificatesi a seguito dell’abrogazione della previgente LR 52/1991, con particolare attenzione al procedimento di formazione degli strumenti urbanistici attuativi e il coordinamento degli strumenti urbanistici comunali. Introduce altresì tempi certi in capo all’Amministrazione regionale, in sede di conferma di esecutività dei Piani regolatori comunali per cui non siano state formulate riserve.

Pubblicità