Home

cnappc alto

Il Consiglio Nazionale degli Architetti ha chiesto nuovamente all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato l’apertura di un procedimento contro Groupon.

Nonostante l’esito positivo per il Consiglio Nazionale dei due precedenti esposti presentati all’Antitrust per salvaguardare l’attività dei liberi professionisti iscritti al proprio Albo, non si ferma la battaglia degli architetti italiani contro la svendita delle prestazioni professionali e a tutela dei consumatori.

Proprio gli “impegni” proposti da Groupon, a seguito della precedente istruttoria, contengono, infatti,  informazioni incomplete e fuorvianti per i consumatori, tra le quali quelle relative  alla  pubblicazione di un listino prezzi/catalogo.

“Dopo l’abrogazione delle tariffe professionali  – sottolinea il Consiglio Nazionale – per le prestazioni professionali non possono essere indicati i prezzi offerti, neanche in base al DM parametri, che è relativo ai soli compensi in ambito giudiziale. Oltre a ciò, l’individuazione, da parte del sito Internet di Groupon, di prezzi di riferimento, anche se non obbligatori, può determinare effetti negativi per la concorrenza alla stessa stregua dei prezzi obbligatori”.

“L’equivoca formulazione di messaggi relativi, ad esempio, all’ Attestato di Prestazione Energetica può indurre il consumatore a ritenere che prestazioni professionali complesse possano essere svolte con costi sensibilmente ed oggettivamente inferiori a quelli di loro produzione”.

Groupon vendite on line – Istanza per la riapertuta del procedimento

Pubblicità