Home

domenica 25 gennaio, alle ore 11.00 alla Stazione Rogers in Riva Grumula 14 a Trieste si terrà la conferenza
di Serena Maffioletti dal titolo DIRE L’INDICIBILE – I Memoriali alle vittime della deportazione

a seguire

mostra fotografica
MEMORIALI /DISEGNI dal LAGER DI GUSEN
di Lodovico Barbiano di Belgiojoso (BBPR)

letture da
NOTTE e NEBBIA, racconto di Gusen
NON MI AVRETE

BBPR è l’acronimo che indica il gruppo di architetti italiani, appena laureati al Politecnico di Milano, costituitosi nel1932: Gianluigi Banfi (Milano 1910 – Gusen 1945), Lodovico Barbiano di Belgiojoso (Milano 1909 – Milano 2004), Enrico Peressutti (Pinzano al Tagliamento 1908 – Milano 1976), Ernesto Nathan Rogers (Trieste 1909 – Gardone Riviera 1969).

In un primo tempo, al pari di altri, i BBPR ritengono di poter sostenere lo scontro tra razionalisti e tradizionalisti per la libertà di nuovi linguaggi e il trionfo dell’architettura moderna all’interno del fascismo, ma ben presto (nel1938 sono introdotte le leggi razziali) aderiscono ai valori della Resistenza.

Le vicissitudini conseguenti e la guerra portano Rogers a fuggire in Svizzera; Banfi, deportato, a morire di stenti nell’infermeria di Gusen il 10 aprile 1945 qualche settimana prima dell’arrivo delle truppe americane; Belgiojoso, deportato anch’egli a Mauthausen-Gusen, riesce a sopravvivere alla prigionia del campo e a far itorno in Italia nel maggio 1945; Peressutti è chiamato a combattere in Russia.

La dolorosa vicenda deilo studio BBPR si suggella dopo la fine del conflitto con un’opera limpida e asciutta, il Monumento al Cimitero monumentale di Milano, monumento ai morti nei lager tedeschi, del 1946.
Della vasta attività progettuale e teorica del gruppo riconosciuta a livello internazionale, testimoniamo a Stazione Rogers esclusivamente quella riguardante i Monumenti-memoriali delle vittime della deportazione curati in particolare da Belgioiojoso:

Memoriale a Mauthausen-Gusen  (1967)
Museo monumento al deportato politico e razziale nei campi di sterminio nazisti nel castello di Carpi (1973)
Memoriale italiano ad Auschwitz (1979)
Memoriale in ricordo delle donne deportate a Ravensbruck (1982)
Recupero dell’ex-campo di concentramento di Fossoli a museo nazionale in perenne ricordo delle vittime dei campi di concentramento nazisti (1989)
Monumento ai deportati di Mauthausen a Milano Sesto San Giovanni (1996)

Lodovico Barbiano di Belgioiojoso oltre a Notte e Nebbia, racconto di Gusen (1996), scrisse nel 1999 Frammenti di una vita e raccolse le sue poesie nei due volumi Non mi avrete (1986) e Come niente fosse (1992).

Annunci