Home

Le seguenti Faq cercano di dare le prime semplici indicazioni e orientamenti in relazione all’uso della carta nazionale dei servizi fornita gratuitamente dall’Ordine ai propri iscritti.

La tessera è dotata di microchip contenente un “certificato  di sottoscrizione con Ruolo” che permette di firmare digitalmente i documenti informatici, garantendo un’immediata qualificazione dello status professionale del titolare.

Questo consente  di ridurre gli adempimenti per le pratiche telematiche, permettendo di poter procedere senza ulteriori accertamenti sull’identità dell’intermediario e le sue abilitazioni professionali.

La CNS rilasciata dell’Ordine ha valore di documento di riconoscimento ai sensi del DPR 445/2000, la firma digitale certifica il ruolo del professionista e la regolare iscrizione all’Albo inoltre contiene i dati dell’iscritto all’Ordine rilevabili tramite apposito lettore.

Le seguenti Faq non possono considerarsi completamente esaustive ed ove disponibile vi è un riferimento, relativo a risorse web o assistenza dedicata.

Chiediamo agli iscritti di consultare con attenzione anche tali riferimenti e ricordiamo che la segreteria dell’Ordine non ha competenze per fornire assistenza tecnica.

1 – sulla CNS

1.1
a cosa serve la CNS?
La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) è un dispositivo smart card contenente un certificato digitale di autenticazione personale, che consente l’identificazione certa di un utente in rete, assicurando l’autenticità delle informazioni.
La smart card viene corredata di un certificato di firma digitale, necessario per la sottoscrizione di documenti elettronici con valore legale,
Può essere emessa anche per cittadini stranieri (Comunità Europea).

1.2
dove posso utilizzare la CNS?

I portali che consentono l’interazione telematica tra cittadini e PP.AA., mediante autenticazione con CNS sono sempre più numerosi, ne riportiamo alcuni:

agenzia delle entrate

processo civile telematico

impresa in un giorno

registro delle imprese

INPS

INAIL

SISTRA

1.2
com’è fatta?
La CNS emessa dal Consiglio Nazionale APPC, è in formato “smart card”,ha l’aspetto e le dimensioni di una normale carta di credito, i contenuti digitali sono alloggiati in un chip, è inoltre presente un’antenna per l’uso della tecnologia “contact-less” che permette, con adeguati lettori, di utilizzare il dispositivo come badge.

1.3
cosa contiene?
Oltre a contenere i propri dati anagrafici e la foto, riporta le informazioni previste dal R.D. 2537/1925 e dal D.P.R. 2001 n. 328/2001 (Sezione, Settore, Data e Numero d’iscrizione) qualificando quindi la propria iscrizione all’Ordine.
Sul chip sono presenti due certificati distinti: il Certificato Digitale di Autenticazione CNS (firma generica) e il Certificato Qualificato di Firma Digitale (firma non ripudiabile avente valore legale).

1.4
ha un termine di validità?
I certificati della CNS hanno una durata di 36 mesi dall’emissione, trascorsi i quali occorre rinnovarli con una semplice pratica amministrativa dal costo contenuto. Salvo cambiamenti della Legge in vigore, non sarà necessario il cambio di smart card, ma solo il suo aggiornamento.

1.5
è possibile rinnovare una firma digitale dopo la scadenza?
Una volta scaduta, la firma digitale non è più rinnovabile. Si consiglia pertanto di attivare la procedura di rinnovo per tempo prima della scadenza del termine di validità. In caso contrario è necessario richedere l’emissione di una CNS con la nuova firma digitale.

1.6
ha un costo?
La CNS viene fornita gratuitamente dall’Ordine oppure può essere acquistata dall’iscritto in kit con software e lettore attraverso una convenzione con Aruba.

1.7
come posso averla?
Per ottenerla gratuitamente è necessario aderire agli ordini massivi che l’Ordine promuove periodicamente, per cui è stato predisposto un modulo on-line.

1.8
ho già richiesto la CNS ma non ho mai completato la procedura di emissione, cosa devo fare per averla?
Per ottenerla è necessario aderire nuovamente ad un ordine massivo ripetendo la procedura.

1.9
voglio ordinare la CNS per mio conto e non attraverso l’Ordine come faccio?
La CNS deve essere in ogni caso ritirata fisicamente presso l’Ordine di appartenenza che ne valida i contenuti, è sempre possibile acquistare per proprio conto un kit CNS+firma digitale integrato anche con software e lettori di Aruba.

1.10
come faccio a ritirare la CNS?
Una volta ricevuto riscontro via e-mail che la CNS è disponibile presso l’Ordine, l’iscritto deve ritirarla di persona (non sono possibili deleghe) producendo un documento di identità valido.
Tale procedura è necessaria in quanto la CNS è un documento di riconoscimento, quindi la consegna deve avvenire mediante il “riconoscimento certo” del titolare.

1.11
posso farmi identificare esibendo una copia del documento identità?
Non è possibile. Per l’identificazione è necessario verificare il documento in originale.
Tale procedura è necessaria in quanto la CNS è documento di identità è quindi la consegna deve avvenire mediante il “riconoscimento certo” del titolare.

1.12
posso inviare i documenti in formato elettronico e farmi identificare mediante videoconferenza?
Non è possibile. L’identificazione avviene fisicamente.
Tale procedura è necessaria in quanto la CNS è documento di identità è quindi la consegna deve avvenire mediante il “riconoscimento certo” del titolare.

1.13
mi hanno rubato oppure ho smarrito la CNS cosa devo fare?
In caso di furto o smarrimento è obbligatoria la denuncia presso gli uffici di P.S. dandone comunicazione all’Ordine.

1.14
intendo cancellarmi dall’Albo o trasferirmi presso un altro Ordine posso tenere la CNS?
No, la tessera va restituita in caso di cancellazione dall’albo ovvero di trasferimento in quanto i dati professionali riportati non sono più validi.

2 – sull’uso come documento di riconoscimento

2.1
perchè la CNS è un documento di riconoscimento?
La CNS è un documento di riconoscimento perché ha le caratteristiche di cui al D.P.R. 445/2000: ovvero riporta la fotografia del titolare, è rilasciata da una pubblica amministrazione italiana (l’Ordine degli Architetti PPC della provincia di Trieste), ha un supporto magnetico e informatico, consente l’identificazione personale del titolare (mediante i dati attestati dal consiglio dell’Ordine).

2.2
la CNS è valida per gli imbarchi e i controlli di sicurezza negli aeroporti?
Si, limitatamente ai voli nazionali.

2.3
la CNS è valida per l’espatrio?
Solo in alcuni casi, è consigliabile rivolgersi alla Polizia di Stato.

2.4
ho caricato una foto in bianco e nero, la CNS è un documento di riconoscimento a vista valido?
No, il colore della carnagione deve essere riconoscibile, invitiamo a prendere visione delle prescrizioni della Polizia di Stato

2.5
ho caricato una foto con gli occhiali da sole, la CNS è un documento di riconoscimento a vista valido?
No, gli occhi devono essere riconoscibili, invitiamo a prendere visione delle prescrizioni della Polizia di Stato

2.6
ho caricato una foto con il cappello, la CNS è un documento di riconoscimento a vista valido?
No, il viso deve essere riconoscibile, invitiamo a prendere visione delle prescrizioni della Polizia di Stato

2.7
ho caricato una foto che mi ritrae con altre persone, la CNS è un documento di riconoscimento a vista  valido?
No, la foto deve mostrare soltanto la persona ritratta mentre guarda l’obbiettivo con un’espressione neutra
e la bocca chiusa. Invitiamo a prendere visione delle prescrizioni della Polizia di Stato

2 – sulla firma digitale

2.1
cosa mi serve per usare la firma digitale?
per l’utilizzo della firma digitale contenuta sulla CNS sono necessari i driver del chip della smart card, il software per la firma digitale e un lettore smart card con i relativi driver.
La pagina di assistenza web di Aruba chiarisce molti dubbi.

2.2
dove trovo i driver per la smart card con chip?
I driver per utilizzare la smart card con chip possono essere scaricati all’indirizzo web http://www.pec.it/Download.aspx.

2.3
come riconosco il chip della mia smart card?
Il chip può essere riconosciuto con facilità a vista, esaminandone il disegno.

2.4
dove trovo il sofware per la firma digitale?
Arubasign, il software per utilizzare la firma digitale può essere scaricato all’indirizzo web http://www.pec.it/Download.aspx.

2.5
quando sono assente i miei sostituiti possono firmare con la mia firma digitale?
Dal punto vi vista pratico è possibile ma la firma digitale e la sua relativa password sono strettamente personali.
La normativa sulla firma digitale non prevede sanzioni per l’affidamento del dispositivo a un terzo, ma una serie di norme indicano chiaramente l’impossibilità di uso del dispositivo da parte di chi non ne sia il legittimo titolare (reato di falso), la questione risulta di particolare delicatezza in quanto la falsificazione di una firma autografa è dimostrabile mentre una firma digitale è sempre “vera”. La prova contraria può essere difficilissima, se non impossibile.

2.6
ho una Smart Card con PIN bloccato dov’è il PUK per sbloccare la carta?
Il codice PUK si trova sulla screechcard consegnata al momento del rilascio della smart card.
Se è stato perso il PUK la firma digitale sulla Smart Card è inutilizzabile e non può essere rinnovata. Sarà quindi necessario richiedere l’emissione di una nuova firma.

3 – sul lettore

3.1
devo acquistare un lettore?
Non è necessario, la Regione Friuli Venezia Giulia ha già provveduto negli anni scorsi a dotare i propri cittadini di lettore smart card BIT4ID per l’utilizzo della carta regionale dei servizi.

3.2
dove trovo i driver per il lettore?
Se è già installato non servono altri driver per il lettore, altrimenti è possibile scaricare i driver del lettore BIT4ID all’indirizzo web http://www.pec.it/Download.aspx.

3.3
non ho il lettore fornito dalla Regione Friuli Venezia Giulia, come faccio?
La Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia prevede la distribuzione gratuita di un lettore di smart card per ogni nucleo familiare che ne faccia richiesta. Il lettore di smart card può essere richiesto agli sportelli URP della Regione.
In generale per l’utilizzo della Carta Nazionale dei Servizi è necessario avere un lettore per smart card formato standard (tessera) compatibile con i seguenti standard di mercato: ISO 7816 1-4, 8, 9,(communication protocol T=1 o T=0).
Aruba mette a disposizione diversi dispostivi, il lettore Arubakey o i lettori standard.

4 – sull’assistenza

4.1
esiste un servizio di assistenza?
Si, l’assistenza di Aruba dedicata al CNAPPC è la seguente:

assistenza@archiworldpec.it;
057505.00.13

5 – sui servizi di AWN

5.1
quali sono i servizi offerti?
I servizi di AWN non sono ancora operativi, tuttavia suggeriamo a chi non dispone già del proprio account AWN di registrarsi.

 

Annunci